3 minuti di lettura (660 parole)

Il prolifico cacciatore di pianeti della NASA, Kepler, ha finalmente guadagnato il suo ritiro

kepler_eof_08-01-ws-oil-paint_filter_0
Dopo nove anni di servizio, mezzo milione di stelle intervistate e migliaia di pianeti scoperti intorno a queste stelle, lo straordinario telescopio spaziale Kepler della NASA si sta finalmente godendo un meritato riposo. Senza carburante, ma in un'orbita sicura, la navicella spaziale attraverserà il sistema solare senza guardare nulla in particolare, dato che il suo immenso flusso di dati continua a guidare le scoperte qui sulla Terra.

Kepler è stato lanciato nel 2009 dopo, come spesso accade, decenni di preparazione, studi e ritardi. La sua missione, durato tre anni e mezzo, era quella di fissare senza battere ciglio una piccola porzione di cielo, osservando ogni stella per i minuscoli cambiamenti che potevano indicare un pianeta che bloccava brevemente la sua luce.

La missione ha avuto successo oltre ogni aspettativa e, una volta operativo il telescopio, i dati hanno iniziato a produrre esopianeti non a decine ma a migliaia. E alcuni si avvicinarono ad un analogo della Terra di quanto gli astronomi avessero osato sperare - suggerendo che i pianeti rocciosi della nostra dimensione non sono poi così rari. (Buone notizie se abbiamo bisogno di trasferirsi.) 

Nel 2014 la missione originale era completa, ma Keplero stava ancora andando forte, in gran parte a causa della costruzione robusta e del consumo di carburante frugale. Una seconda missione, soprannominata K2, fu approvata, diversa dalla prima: invece di guardare una singola patch per anni, Keplero avrebbe spostato la sua visione in una nuova posizione ogni tre mesi. Naturalmente il numero di stelle catalogate e osservate salito alle stelle.

Ma non tutto andò bene: l'imbarcazione perse una delle sue quattro ruote di reazione, utilizzate per riorientare l'imbarcazione contro l'attrazione del sole e di altre forze, sebbene fortunatamente fosse stato progettato per funzionare senza tutti. È stato solo il fallimento successivo di un'altra ruota che in sostanza ha messo un limite di tempo difficile su K2.

Senza una ruota di reazione per cambiare la sua direzione lungo tutti e tre gli assi, Kepler dovrebbe bruciare carburante prezioso ogni volta che ha bisogno di cambiare la sua vista o girare intorno per inviare dati a casa.

Carburante o senza carburante, Kepler stava ancora sfornando i dati. Gli scienziati hanno verificato e annunciato l'esistenza di più di 1200 altri esopianeti in una volta sola, mentre gli strumenti di intelligenza artificiale come quelli di Google stavano lavorando per trovare altri nascosti nei dati rumorosi.

Ma alla fine è arrivata la fine e Kepler ha utilizzato l'ultima delle sue riserve per manovrare in posizione per trasmettere la sua ultima serie di dati attraverso la Deep Space Network. Questo, come il resto, sarà presto disponibile per gli scienziati cittadini e le organizzazioni di ricerca, nonché i team della NASA.

Per quanto riguarda la caccia all'exoplanet, è stata ripresa dal Transiting Exoplanet Survey Satellite, o TESS, lanciato all'inizio di quest'anno e ora in funzione. Ci sono tutte le ragioni per pensare che sarà produttivo e stimolante come il suo predecessore e forse anche di più.

"Quando abbiamo iniziato a concepire questa missione 35 anni fa, non conoscevamo un singolo pianeta al di fuori del nostro sistema solare", ha detto il primario investigatore principale di Kepler, William Borucki, da quando è andato in pensione. "Ora che sappiamo che i pianeti sono ovunque, Keplero ci ha dato un nuovo corso che è pieno di promesse per le generazioni future di esplorare la nostra galassia".

Dopo aver consegnato il suo ultimo pacchetto, Kepler ha completato il suo dovere finale e ora entra in una pensione piuttosto piacevole. A differenza di Cassini, che ha finito per creare un nuovo cratere sulla superficie di Saturno (una fine improvvisa ma gloriosa), Kepler semplicemente cadrà in un'orbita simile alla Terra a una certa distanza dietro il suo pianeta, probabilmente stabile (escludendo la possibilità straordinariamente improbabile di un sciopero dei detriti) per molti anni a venire.

Non sentiremo Kepler e Kepler non ci sentirà. Ma è bello pensare che sarà ancora alla ricerca.

loading...
Zuckerberg dice che il futuro è la condivisione tr...
Creed 2: Sylvester Stallone rivela il nuovo poster...
 

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.imperoweb.com/

loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.