4 minuti di lettura (731 parole)

Il Parlamento europeo chiede una revisione completa di Facebook in seguito allo scandalo delle violazioni

gettyimages-961424292
Il Parlamento europeo ha chiesto un audit completo su Facebook in seguito a una serie di scandali sulla violazione dei dati, incluso l'affare Cambridge Analytica.

I deputati sollecitano la società a consentire agli organismi dell'Unione europea di svolgere un audit completo per valutare la protezione dei dati e la sicurezza dei dati personali degli utenti, a seguito dello scandalo in cui i dati di 87 milioni di utenti di Facebook sono stati ottenuti e utilizzati impropriamente.

Nella risoluzione, adottata oggi, hanno anche raccomandato a Facebook di apportare ulteriori modifiche per contrastare le interferenze elettorali - affermando che la società non ha violato la fiducia degli utenti europei "ma in effetti la legge dell'UE".

Abbiamo contattato la società per un commento sulla risoluzione del parlamento.

All'inizio di questo mese, la commissione per le libertà civili del parlamento dell'UE ha adottato una risoluzione analoga, chiedendo un audit completo e indipendente su Facebook e per l'azienda di apportare ulteriori modifiche alla sua piattaforma.

Il comitato Libe ha anche chiesto un aggiornamento delle regole di concorrenza dell'UE per riflettere ciò che definisce "la realtà digitale" e l'indagine su quello che viene definito il "monopolio possibile" delle piattaforme di social media di grandi dimensioni.

Commentando in una dichiarazione oggi, dopo il voto del parlamento, il presidente della commissione per le libertà civili Claude Moraes ha dichiarato: "Si tratta di una questione globale, che ha già influenzato i nostri referendum e le nostre elezioni. Questa risoluzione definisce le misure necessarie, tra cui un controllo indipendente di Facebook, un aggiornamento delle nostre regole sulla concorrenza e ulteriori misure per proteggere le nostre elezioni. Occorre agire ora, non solo per ripristinare la fiducia nelle piattaforme online, ma anche per proteggere la privacy dei cittadini e ripristinare la fiducia e la fiducia nei nostri sistemi democratici ".

La risoluzione fa seguito all'apparizione del fondatore di Facebook Mark Zuckerberg di fronte alla Conferenza dei presidenti del parlamento dell'UE a maggio, e una serie di audizioni della commissione parlamentare anche con i membri dello staff di Facebook.

Il nuovo robusto quadro UE per la protezione dei dati, GDPR, è entrato in vigore solo a maggio, pertanto la violazione di Cambridge Analytica viene gestita nell'ambito del precedente quadro di protezione dei dati del blocco, che comprende un mosaico di leggi degli Stati membri.

E ancora oggi è stata accolta una multa consegnata a Facebook per questa violazione da parte del servizio di controllo dei dati del Regno Unito. La sanzione da 500.000 sterline è la sanzione massima possibile in base al precedente regime di protezione dei dati del paese.

Nella nuova risoluzione, i deputati hanno suggerito che i dati ottenuti da Cambridge Analytica potrebbero essere stati utilizzati a fini politici, da entrambe le parti nel referendum britannico sull'adesione all'UE e per colpire gli elettori durante le elezioni presidenziali americane del 2016 - descrivendolo come una questione di urgenza che le leggi elettorali siano adattate per tenere conto della campagna digitale. (Chiaramente con un occhio sulle prossime elezioni europee, il prossimo maggio.)

Per combattere l'ingerenza elettorale attraverso i social media, i deputati propongono:

applicare online le "protezioni elettorali" off-line convenzionali: norme sulla trasparenza e sui limiti di spesa, rispetto dei periodi di silenzio e parità di trattamento dei candidati;
facilitando il riconoscimento degli annunci pubblicitari online a pagamento e dell'organizzazione dietro di essi;
vietare la profilazione a fini elettorali, compreso l'uso di comportamenti online che possono rivelare preferenze politiche;
che le piattaforme di social media dovrebbero etichettare i contenuti condivisi dai robot, accelerare il processo di rimozione degli account falsi e lavorare con ispettori indipendenti e accademici per contrastare la disinformazione;
le indagini dovrebbero essere condotte dagli Stati membri con il sostegno di Eurojust, in presunti abusi dello spazio politico online da parte di forze straniere.
Anche nel Regno Unito una commissione parlamentare ha recentemente sollecitato il governo a dare priorità all'aggiornamento della legge elettorale per tenere conto dei rischi digitali nei processi democratici. Sebbene il governo abbia finora adottato solo un approccio prudente, ha affermato che sta ancora raccogliendo prove attraverso una serie di revisioni in diversi aspetti della questione.

Nel frattempo Facebook ha lanciato il proprio sistema di controlli sugli inserzionisti politici in alcune regioni, incluso il Regno Unito. Sebbene i deputati credano evidentemente che l'azienda debba andare oltre.

Il DPA del Regno Unito ha anche chiesto in precedenza una pausa etica sul microtargeting politico attraverso piattaforme online, dicendo che aveva una serie di preoccupazioni su come i dati vengano utilizzati e potenzialmente utilizzati in modo improprio. 

Legacies: Paul Wesley smentisce le voci sul ritorn...
Google Lens arriva su Google Immagini per la ricer...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.imperoweb.com/

loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.