7 minuti di lettura (1394 parole)

Olli 2.0, la navetta autonoma di nuova generazione stampata in 3D di Local Motors

Olli_2.0_Left_Door

 Da lontano, Olli ricorda molte delle navette elettriche autonome "il futuro è adesso!" Spuntate negli ultimi anni.

L'alto baccello rettangolare, con i suoi ampi fari e le ampie finestre incastonate tra una cornice arrotondata, conferisce alla navetta un aspetto amichevole che grida, sempre così delicatamente, "vieni, fai un giro."

Ma Olli è diverso in quasi tutti i modi, da come è stato prodotto alla sua storia di origine. E ora, il suo produttore, Local Motors, ha dato a Olli un aggiornamento nella speranza di accelerare l'adozione delle sue navette autonome.

Incontra Olli 2.0, uno shuttle elettrico autonomo collegato stampato in 3D che secondo Rogers accelererà la sua ubiquità.

"Il futuro è qui; non è distribuito uniformemente ", ha dichiarato il co-fondatore e CEO di Local Motors John B. Rogers Jr. in una recente intervista. "È qualcosa che dico molto. Perché le persone spesso mi chiedono "Ehi, quando vedrò questo veicolo? 2023? Cosa ne pensi? 'La mia risposta: è qui adesso, non è dappertutto. "

Se gli individui adotteranno la visione del futuro di Rogers è un'altra questione. Ma sostiene che Olli 1.0 è già stato un ambasciatore persuasivo.

Olli 1.0 ha fatto il suo debutto nel 2016 quando è stato lanciato a National Harbor, Md., In uno sviluppo pianificato a uso misto a pochi chilometri a sud di Washington, DC. Nei due anni successivi, Olli si è presentato a eventi come LA Automobility, e stato descritto da vari media, incluso questo. Cavolo, persino James Cordon vi cavalcava.

Local Motors, fondata nel 2007, e la sua navetta Olli 1.0 sono figure familiari nel nascente settore dei veicoli autonomi. Ma sono spesso oscurati da artisti del calibro di Argo AI, Cruise, Uber e Waymo - grandi aziende che perseguono robotaxis progettate per le città.

Olli, nel frattempo, è progettato per campus, ambienti a bassa velocità che includono ospedali, basi militari e università.

"Il pubblico non vedrà New York City con veicoli autonomi in giro tutto il tempo (in qualunque momento presto)", ha detto Rogers. I campus, d'altra parte, sono un punto debole per le aziende come i motori locali che vogliono implementare ora. Questi sono luoghi in cui è necessaria la mobilità e le persone sono in grado di avvicinarsi e personali con un "robot amichevole" come Olli, ha detto Rogers.

 Olli 2.0

Olli e Olli 2.0 sono chiaramente fratelli. Il veicolo a bassa velocità ha la stessa forma generale e una velocità massima di 25 miglia all'ora. Entrambi sono stati sottoposti a crash test da Local Motors e sono dotati di capacità autonoma di livello 4, una designazione del SAE che significa che il veicolo può gestire tutti gli aspetti della guida in determinate condizioni senza intervento umano.

Olli 2.0 ha una gamma molto più ampia - fino a 100 miglia con una singola carica, secondo la sua scheda tecnica. Il processo di produzione è stato migliorato e Olli 2.0 è ora stampato all'80% in 3D e ha i motori del mozzo rispetto ai motori delle ruote dell'asse nel suo predecessore. Inoltre, ci sono altri due posti in Olli 2.0 e nuova illuminazione programmabile.

Ma dove Olli 2.0 si distingue davvero è nell'interfaccia utente migliorata e più scelte per i clienti che desiderano personalizzare la navetta per soddisfare esigenze specifiche. Come ha recentemente affermato Rogers, "Possiamo praticamente fare tutto ciò che chiedono con i partner giusti".

L'esterno di Olli 2.0 è dotato di un sistema PA e schermi sul davanti e sul retro per indirizzare i pedoni. Lo schermo nella parte anteriore può essere mostrato come occhi, rendendo Olli 2.0 più accessibile e antropomorfo.

All'interno della navetta, i ciclisti troveranno altoparlanti, microfoni e touchscreen migliori. Local Motors ha un'API aperta, che consente un numero infinito di interfacce UI. Ad esempio, LG sta personalizzando i contenuti multimediali per Olli in base al "futuro del 5G", secondo Rogers, che ha affermato di non poter ancora fornire ulteriori dettagli.

AR e VR possono anche essere aggiunti, se un cliente lo desidera. L'interno può essere modificato per soddisfare anche le diverse esigenze. Ad esempio, un ospedale potrebbe desiderare meno posti e più spazio per trasportare i pazienti sui letti. È questo tipo di personalizzazione che Rogers ritiene possa dare a Local Motors un vantaggio rispetto ai concorrenti di shuttle autonomi.


Anche il modo in cui Olli 2.0 comunica è stato migliorato.


Olli 1.0 utilizzava IBM Watson, la piattaforma AI di IBM, per le sue funzioni di linguaggio naturale e sintesi vocale. Olli 2.0 ha più opzioni. La voce in linguaggio naturale può utilizzare il servizio di chatbot di deep learning di Amazon Lex e IBM Watson. I clienti possono sceglierne uno o anche combinarli. Entrambi possono essere modificati per rendere il sistema indirizzabile a "Olli".

Le molte persone dietro Olli
Nella cosiddetta gara per distribuire veicoli autonomi, Local Motors è un partecipante che è difficile classificare o etichettare in gran parte a causa di come fa le sue navette.

Non sono solo le due micro fabbriche di Local Motors - nella sua sede centrale di Chandler, in Arizona e a Knoxville, in Tennessee - a essere minime di 10.000 piedi quadrati. O che a queste micro fabbriche mancano gli strumenti e le attrezzature per stampi e stampi che si trovano in una fabbrica di automobili tradizionale. O anche che Olli è stampato in 3D.

Una differenza sorprendente e forse meno ovvia è come Olli e altre creazioni di Local Motors, e la sua società madre Local Motors Industries, prendono vita. LMI ha un modello di business di produzione locale a basso volume e co-creazione. L'unità Launch Forth della società madre gestisce una comunità di progettazione digitale di decine di migliaia di ingegneri e designer che co-crea prodotti per i clienti. Alcune di queste creazioni di mobilità vanno a Local Motors, che utilizza i suoi micro-stabilimenti stampati in 3D a basso volume per costruire Olli e Olli 2.0, così come altri prodotti come il Rally Fighter.

Questa capacità di attingere alla sua comunità e alle sue collaborazioni con i laboratori di ricerca, combinata con la produzione digitale diretta e le sue micro fabbriche, è ciò che Rogers afferma che le consente di passare dal design al prototipo mobile in settimane, non mesi o addirittura anni.

La società pone sfide alla comunità. Il vincitore di una sfida ottiene un premio in denaro e riceve le royalty quando il prodotto viene commercializzato. Nel 2016, un uomo di Bogotà, in Colombia, di nome Edgar Sarmiento, ha vinto la sfida Local Motors per progettare un sistema di trasporto pubblico urbano. Il suo design alla fine divenne Olli.

(Local Motors utilizza il modello delle sfide anche per determinare dove verrà distribuito Olli.)

Nuove sfide di progettazione vengono costantemente lanciate per migliorare l'interfaccia utente e i servizi di Olli, così come altri prodotti. Ma anche questo non cattura del tutto lo scopo della co-creazione. Local Motors collabora con dozzine di aziende e organizzazioni di ricerca. La sua tecnologia di stampa 3D proviene dal Oak Ridge National Laboratory e la stessa Olli coinvolge chi è chi nelle comunità di sensori, AV e fornitori.

Startup Affectiva fornisce il sistema cognitivo di Olli, come il monitoraggio del viso e dell'umore dei suoi passeggeri e l'ottimizzazione dinamica del percorso, mentre Velodyne, Delphi, Robotic Research e Axis Communications gestiscono lo stack di percezione dello shuttle a guida autonoma, secondo Local Motors. Nvidia e Sierra Wireless forniscono gran parte dell'interfaccia uomo-macchina. Altre società che forniscono i pezzi di Olli includono Bosch, Goodyear, Protean e Eastman, solo per citarne alcuni.

In quale parte del mondo è Olli?
Oggi, Olli 1.0 è schierato in nove campus, i più recenti presso la Joint Base Myer - Henderson Hall, una base comune dell'esercito americano situata intorno ad Arlington, in Virginia, che è composta da Fort Myer, Fort McNair e Henderson Hall . Olli è stato anche introdotto di recente a Rancho Cordova, vicino a Sacramento, in California.

La produzione di Olli 2.0 è iniziata a luglio e le consegne inizieranno nel quarto trimestre di quest'anno. Nel frattempo, nelle prossime sei settimane arriveranno altre tre implementazioni della navetta Olli, secondo Local Motors, che non ha fornito ulteriori dettagli.

La produzione di Olli 1.0 terminerà gradualmente nei prossimi mesi man mano che gli ordini dei clienti saranno completati. Presto Olli andrà anche in Europa, con Local Motors in programma di costruire la sua terza micro fabbrica nella regione.

Bear Robotics sta raccogliendo un sacco di soldi p...