2 minuti di lettura (351 parole)

Ragazza incinta a 11 anni: arrestato vicino per violenza sessuale

Ragazza incinta a 11 anni: arrestato vicino per violenza sessuale
24 novembre 201722:18

La giovane, il 17 novembre, era stata accompagnata dalla mamma in ospedale per la pancia gonfia. I medici hanno spiegato che in realtà aspettava un bimbo

Venerdì la piccola, nigeriana come lo stupratore, si è presentata all'ospedale con la madre perché "aveva la pancia gonfia". La donna temeva che la figlia stesse male. I medici del Sant'Anna, invece, le hanno detto che era incinta. Alla ventunesima settimana di gravidanza. "Ho studiato a scuola che le cellule si uniscono, si fecondano, cambiano. Ma non immaginavo di avere un bambino in pancia", le parole della bambina. Ingenua, innocente come si può essere a undici anni. "C'era un signore che mi disturbava sempre, mi toccava". Lei ha provato ad allontanarlo, a mandarlo via, a dirgli che non voleva. Ma lui la minacciava: "non dire nulla, a nessuno, se no non vedrai più i tuoi genitori".

Il papà è un operaio e in fabbrica gli tocca spesso il turno di notte. La mamma fa le pulizie nei supermercati e dev'essere a lavoro alle prime ore del mattino. Per questo la bambina, con le sorelline di 4, 7 e 13 anni, veniva lasciata sovente al vicino di casa. Da quel vicino che, come si legge nella misura cautelare depositata dal giudice Alessandra Pfiffner, "godeva della fiducia di tutta la famiglia". A tal punto da lasciare la ragazzina a dormire da lui. E lui la svegliava, per costringerla ad avere rapporti sessuali. Incurante dei suoi pianti, delle sue richieste, del suo sguardo spaventato, confuso.

Quell'alloggio, alla periferia Nord di Torino, per la ragazzina si è trasformato in un inferno. Un inferno che si è ripetuto per un anno intero. Sino alla scorsa settimana, quando la bimba è arrivata in ospedale. Da lì sono partite le indagini. L'uomo, assistito dall'avvocato Manuel Perga, è recluso in una cella del carcere "Lorusso e Cutugno". "Non volevo che succedesse questa cosa, ma lui insisteva, non voleva smettere", ha raccontato la bimba. "Sono contenta se lo prendete", ha aggiunto alla polizia che ha raccolto il suo racconto tra le lacrime.

torino

Correlati

Caso Fortuna, le motivazioni dell ergastolo all orco di Caivano Lecce, parroco accusato di abusi su una 12enne: la madre della vittima indagata per favoreggiamento

trasferita in una struttura protetta

Pedofilia, preso a Milano l ex prete evaso vicino a Roma

fuga finita

Original autore: Redazione

Copyright

© TgCom24

Lo schiaccianoci e i quattro Reami: il Teaser Trai...
Stranger Things: rivedremo Kali nella terza stagio...